PARAMOUNT CHANNEL SBARCA IN ITALIA

A partire da oggi, 27 febbraio 2016, sul canale 27 del digitale terrestre sarà disponibile Paramount Channel che sarà interamente dedicato al grande cinema e ai serial.
Il canale verrà presentato oggi a Milano,  è questo dunque un appuntamento molto importante, in quanto si tratta della prima volta in cui una major hollywoodiana arriva sulla tv italiana per tutti, «Vogliamo essere un riferimento chiaro» ha spiegato Andrea Castellari, amministratore delegato di Viacom International Media Networks Italia.

Paramount Channel offrirà oltre mille ore di film e serie tv che potranno essere dunque viste in chiaro ed inoltre ha già scandito un proprio calendario di appuntamenti fissi, con il lunedì dedicato ai blockbuster, il giovedì alle serie mentre, per gli appassionati di saghe, il giorno scelto è la domenica.
Il palinsesto sarà composto per il 50% da titoli Paramount, mentre il restante 50% sarà caratterizzato da acquisizioni.
Dall’alto dei suoi 104 anni di storia, la Paramount vanta un catalogo difficilmente eguagliabile. Lo confermano i titoli che stanno per essere mandati in onda, da Il Padrino ad American beauty, da Kill Bill a Transformers 4, da Top Gun a Colazione da Tiffany.
Per quanto riguarda le serie in evidenza, ci saranno Fear the Walking Dead, spin-off e prequel di The Walking Dead ed altre di spicco come The Player e le miniserie storiche Bonnie&Clyde e Saints&Strangers.
La scelta di inserire un nuovo canale di questa portata, può essere vista come un tentativo di risposta a tutti quei canali di streaming online come Netflix, che sempre più spesso stanno “rubando” la scena alle televisioni, soprattutto per quanto riguarda la fruizione delle serie.

Stando ai dati illustrati dal VP editorial content Sergio Del Prete: «Un terzo degli italiani guarda un film al giorno e il 75% lo fa attraverso la televisione», l’obiettivo è quello di creare una “dimora” per queste persone attraverso un marchio affidabile come quello della Paramount.
Il canale 27 punta ad un’audience iniziale dello 0,8% che possa arrivare in breve all’1,5%, con un target di età compreso tra i 25 e 54 anni di età, sotto la media dell’audience nazionale.
Un altro fattore, che probabilmente soddisferà gli spettatori, è dato dal ridotto numero di minibreak, saranno infatti presenti solamente due interruzioni pubblicitarie durante i film, con la durata ciascuno di 120 secondi scanditi da un countdown.

fonti: repubblica.it – ilgiornale.it – gqitalia.it – dday.it