APPLE, FUTURA CONCORRENTE NEL SERVIZIO DI TV ON DEMAND?

Secondo alcune indiscrezioni l’azienda di Cupertino sarebbe in contatto con Hollywood per programmare la produzione di propri contenuti video, realizzando serie Tv. A rivelarlo è un rapporto della testata The street, anche se da parte di Apple ancora non ci sono conferme e dunque non c’è ancora nulla di certo.

2000px-Vectorized_Apple_gray_logo.svg

Le voci però non sembrano del tutto infondate, Apple ha già assunto le veste di produttore nel mondo della musica, creando Beats 1, una radio proprietà della mela morsicata, che trasmette contenuti solo per gli abbonati ed entrando nella produzione video musicali per artisti musicali come Eminem, Drake e tanti altri.

In più alcune fonti riferiscono un tentativo dell’azienda di Cupertino di assumere  Jeremy Clarkson, James May e Richard Hammond di “top Gear” dopo la loro uscita da BBC, anche se ad “aggiudicarseli” è stata Amazon. Che sia questa una delle prime sfide in questo campo?

Comunque Apple continua la ricerca di esperti nel settore, a testimonianza del fatto che potremmo essere di fronte a vere notizie e non soltanto ad indiscrezioni, come spesso capita con i nuovi prodotti Apple.

I nuovi progetti dell’azienda statunitense potrebbero,però,  non essere una buona notizia per i concorrenti, come Netflix, Amazon, Hulu ecc.. che si ritroverebbero un avversario pronto ad investire milioni per produrre (e forse acquistare) contenuti di alta qualità. Apple ha i soldi e i mezzi per diventare un vero competitor in un mercato saturo di servizi (soprattutto negli Stati Uniti), anche se non sarà facile fornire un’offerta davvero competitiva, sia in termini di prezzo che di contenuti, ricordando serie Tv prodotte dai servizi sopra citati, come Narcos, the orange is the new black, House of cards, Transparent e molti altri.

Per ora però possiamo affidarci a queste “voci di corridoio” in quanto, secondo un articolo su Variety, Apple darà, forse, credito a queste voci solo in contemporanea all’annuncio di Iphone 7, quindi non prima di Settembre 2016.

 

Fonti: varietythestreetwebnewstech.fanpage